Notte prima del primo giorno di elementari…



Notte prima del primo giorno di elementari… ultima modifica: 2017-09-10T20:00:54+00:00 da Camilla Montella
Sono andata in camera per rifare il letto e ho visto lo zainetto che domani mio figlio porterà al suo primo giorno di elementari. E niente, mi sono messa l’ipod e mi sono fermata. Non la sto prendendo benissimo.

 

Lo so, domani dovrò esserci per lui con un grande sorriso e una mano salda. E so che sarà un giorno meraviglioso, di gioia, di positività, di emozione. Ci metterò tutto il cuore che ho. Ma stasera ho bisogno di un attimo da sola per me.

 

Il tuo zaino è più grande di quanto eri tu appena nato.

 

Tanti pensieri alla rinfusa.

Non sei pronto

Sei ancora troppo piccolo

Com’era bella quella tutina muccata che avevi a tre mesi

Al nido ci stavi bene

All’asilo avevi tanti amici

Ti si sono smagriti i piedi

Non ti ho mai fatto dormire nel lettone. Sono sempre stata convintissima di questa scelta, ma adesso mi manca.

Dove sarà finito l’orso di pezza che amavi tanto e che poi non hai più voluto? Si chiamava Miele.

Tuo padre come ninnananna ti cantava la musica di star wars

Hai cambiato modo di piangere

Aprivi le dita dei piedi quando bevevi il biberon

Non so perché hai chiamato “Albero” il tuo cane di pelouches preferito

Chissà se riuscirai a stare seduto in classe tante ore

Ti saprai difendere all’occorrenza?

Difenderai gli altri?

Come saranno i tuoi compagni?

Non ti ho preparato abbastanza

Mi racconterai cosa fate a scuola?

Mi nasconderai i tuoi problemi?

Ci sono troppo poco a casa

Ti so ascoltare?

Non sono capace

Non sono pronta

primoIl mio compagno, impetoso, mi ha fotografata di nascosto

Scritto da

Nessun commento.

Lascia un commento

Messaggio